ACCESSO E FREQUENTAZIONE DELLA SPIAGGIA ATTREZZATA PER CANI “Il Blasco119– Dog Beach”

La spiaggia attrezzata per l’accoglienza di animali d’affezione “Il Blasco119– Dog Beach” è stata autorizzata dagli Uffici Comunali competenti.
Va premesso che è una spiaggia che adotta il principio per il quale la responsabilità per il cane non è del cane stesso, ma del padrone (o detentore).

Il regolamento sotto indicato è da intendersi come supplemento di quello comunale, entrambi esposti presso “il Blasco119– Dog Beach”

La spiaggia per l’accoglienza di animali domestici è un’area debitamente attrezzata, delimitata, riservata e distinta da opportuna segnaletica, che salvaguarda la tranquillità dell’utenza balneare. Un’opportuna segnaletica informa della destinazione gli eventuali clienti nella zona limitrofa e coloro senza cani al seguito; La spiaggia per cani ha un accesso indipendente.
“Il Blasco119– Dog Beach” è dotata di un sistema rapido ed efficace di distribuzione di sacchetti e palette per la rimozione e l’eliminazione delle deiezioni solide che deve essere prontamente effettuata dal proprietario (o detentore) del cane attraverso gli appositi dispenser e contenitori di rifiuti presenti all’interno dell’area (anche libera), mentre le deiezioni liquide dovranno essere asperse utilizzando gli innaffiatoi presenti all’interno dell’area, o altre soluzioni (sabbia).
I trasgressori saranno perseguiti secondo le norme vigenti.
E’ vietato l’accesso dei cani ad eventuali piscine o alle docce dello stabilimento balneare riservate alle persone; è altresì 
consentito l’accesso ai cani alle docce e fontanelle-abbeveratoio loro dedicate, conformi alle norme sulla raccolta delle acque reflue in spiaggia e opportunamente segnalate.
Inoltre, tutti gli ombrelloni sono dotati di apposita ciotola per l’acqua.
L’accesso al “Blasco 119 – Dog Beach” è consentito solo agli animali identificati con microchip o tatuaggio, meglio se scortati da certificazione sanitaria veterinaria (libretto di vaccinazione o altro analogo documento sanitario) attestante l’avvenuta vaccinazione da non meno di 20 giorni e non più di 12 mesi precedenti per “cimurro”, “epatite infettiva canina” e “leptospirosi” e l’avvenuto trattamento da non meno di 2 giorni e non più di 20 giorni precedenti per l’ ”echinococcosi”.
L’accesso è interdetto, per problemi legati alla convivenza in spazi ristretti, ai cani di sesso femminile in evidente fase estrale.
I cani provenienti dall’estero devono inoltre soddisfare i requisiti dimostrabili attraverso idonea documentazione, previsti dal Reg. CE n. 998/2003.
Il proprietario (o detentore) si deve assicurare che il cane abbia un comportamento adeguato alle esigenze di convivenza con persone e animali e nel rispetto del contesto in cui vive, salvaguardando – in particolare – l’incolumità e la tranquillità dell’utenza balneare anche adiacente.
L’accesso alla spiaggia è consentito ai cani condotti con guinzaglio con lunghezza idonea alla gestione dell’animale ed il proprietario (o detentore) del cane è sempre responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell’animale e ne risponde sia penalmente che civilmente dei danni o lesioni a persone, animali o cose provocati dall’animale stesso. Chiunque, nella zona balneare, a qualsiasi titolo, accetti di detenere un cane non di sua proprietà ne assume la responsabilità per il relativo periodo.
Gli animali dovranno essere forniti di museruola (non indossata, da applicare in caso di rischio, o su richiesta delle Autorità competenti).
E’ gradita l’assicurazione per danni a terze persone.
I cani possono essere custoditi al di sotto delle zone ombreggiate assegnate (ombrelloni o aree predisposte).
Il guinzaglio può essere assicurato ai punti disseminati nelle zone d’ombra, negli ombrelloni, presso le docce, i wc, ecc. purché il custode sia sempre in grado di esercitare un adeguato controllo dell’animale.
I cani non dovranno mai essere lasciati liberi di vagare.
E’ vietato l’accesso in spiaggia ai cani oggetto di prescrizioni restrittive ai sensi dell’Ordinanza 3 marzo 2009, del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, “Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani”.
Il titolare della spiaggia revocherà l’accesso ai proprietari il cui animale per temperamento, o carattere, o pericolosità può arrecare disturbo alla quiete della spiaggia o della pubblica sicurezza.
Questi si riserva il diritto di effettuare spostamenti della zona d’ombra assegnata, anche in corso di permanenza, qualora lo ritenga necessario nella salvaguardia della tranquillità e della sicurezza dell’utenza balneare, anche quella senza cane al seguito.
In caso d’incompatibilità dei cani con gli altri ospiti, o di comportamento scorretto da parte dei loro padroni, la direzione si riserva il diritto d’immediato allontanamento dalla spiaggia.
E’ sempre assicurata la reperibilità di un veterinario.

La Direzione del” Blasco119 – Dog Beach”